Come abbiamo accennato nel nostro articolo Sharing economy. Il bello della condivisione, l'elenco dei siti e delle piattaforme che offrono la possibilità di condividere beni o servizi è in continua espansione.

Ormai tutti conoscono siti come Airbnb, BlaBlaCar o Gnammo: ci sono però nuove esperienze interessanti che si stanno sviluppando e che vogliamo segnalare insieme alle piattaforme più conosciute.

Prima della sitografia vera e propria, ci piace segnalare un'iniziativa recentissima nata a Milano che vede collaborare Airbnb, Comune di Milano e Casa di accoglienza delle donne maltrattate: si tratta di un programma di ospitalità condivisa che permetterà di offrire una sistemazione gratuita ai famigliari di pazienti che devono soggiornare a Milanoper cure importanti. Airbnb coprirà alcuni costi supportata anche dalla sua community che offrirà soggiorni a prezzi agevolati. La gestione delle prenotazioni sarà curata da una cooperativa di donne maltrattate che avranno quindi la possibilità di reinserirsi nel mondo del lavoro.

Ecco un esempio di come la filosofia iniziale di scambio e solidarietà, che forse si è un po' persa per realtà diventate veri e propri business commerciali come Airbnb, ritorna e può essere in parte recuperata.